Si legge in 4 minuti

Può un giocatore come Joaquin conquistare l’amore di un’intera tifoseria in appena due stagioni? La risposta è sì, Joaquin può. L’andaluso è un esterno di centrocampo che può giocare da ambo i lati (pur preferendo il destro) e può essere schierato anche sul fronte d’attacco, è quel tipo di giocatore che ti fa innamorare per la classe ed il dribbling sopraffini ma ti fa anche arrabbiare perché si perde facilmente nella bellezza delle sue stesse giocate. Procediamo con ordine e narriamo la carriera, ancora non conclusa, di Joaquin: l’andaluso che ha stregato la Fiorentina.

Joaquin al Real Betis
Joaquin al Real Betis

– Cuore andaluso

Joaquin Sanchez Rodriguez, noto come Joaquin, nasce il 21 luglio 1981 a El Puerto de Santa Maria, nel cuore dell’Andalusia. Andaluso fino al midollo si lega ai colori bianco-verdi del Betis Siviglia, club in cui cresce calcisticamente e, nel 2000, fa il suo esordio in Segunda Division con la prima squadra. La stagione 2000/2001 è anche quella in cui i Verdiblancos tornano in Primera Division dopo un anno di assenza. Grazie a prestazioni di buon livello, l’attaccante diventa ben presto uno dei titolari della squadra con cui resterà fino al 2006 collezionando 208 presenze, 32 reti, 6 assist e vincendo una Copa del Rey.

– Nazionale

Joaquin viene lanciato da giovanissimo in una nazionale spagnola con nomi da urlo e tanti giovani promettenti. Inizia molto bene e si guadagna la convocazione per i mondiali di Corea dove sulla fascia imperversa in continuazione e fa trasparire la sua classe cristallina. Purtroppo l’andaluso rimarrà alla storia di quel mondiale solamente per aver sbagliato il rigore decisivo costato l’eliminazione ai quarti delle furie rosse per mano della Corea del Sud padrone di casa. Nonostante ciò viene convocato per gli europei del 2004 e per il mondiale 2006 pur venendo impiegato con discontinuità.

– Epilogo basco e Valencia

A causa di alcune incomprensioni con la dirigenza del Betis, nel 2006 viene ceduto al Valencia per 25 milioni e diventa l’acquisto più oneroso nella storia dei murciélagos. Con il Valencia l’attaccante disputa cinque stagioni ad alto livello totalizzando 216 presenze, 30 reti e 31 assist oltre a vincere un’altra Copa del Rey, disputare numerose partite nelle competizioni europee e diventare uno degli elementi di punta della compagine spagnola.

– L’impresa di Malaga

Nel 2011 l’attaccante passa al Malaga dove, insieme a compagni del calibro di un giovane Isco, nonostante abbia già 30 anni, gioca un calcio di altissimo livello conquistando alla sua prima stagione l’accesso alla fase a gironi della Champions League per la prima volta nella storia del club. Nella successiva edizione della Champions League i “los Boquneros” vengono eliminati solamente ai quarti di finale dal Borussia Dortmund, futuro finalista. In quella edizione lo spagnolo giocherà dieci partite mettendo a segno tre gol.

Joaquin alla Fiorentina
Joaquin alla Fiorentina. Fonte: www.contra-ataque.it

– Joaquin e l’esperienza alla Fiorentina

Il 2013 è l’anno dell’arrivo a Firenze per Joaquin che rimarrà in Italia solo per due stagioni senza grandi exploit tranne uno che lo farà amare per sempre dal popolo viola: è il 20 ottobre 2012 e al Franchi arriva la Juventus. La squadra di Conte chiude il primo tempo in vantaggio per due reti a zero ma nel secondo tempo qualcosa cambia: la doppietta di Giuseppe Rossi riequilibra il match e lo spagnolo segna la rete del sorpasso, la gara sarà definitivamente chiusa con il terzo gol di Rossi. Il match passerà alla storia della Fiorentina per la sua epicità e scatenerà la gioia dei tifosi fiorentini.

Una città ricca d’arte e storia come Firenze non poteva che innamorarsi di un artista come Joaquin Sanchez ed ammirarlo in azione con la maglia della Fiorentina durante momenti decisivi di accesa rivalità come quello appena raccontato.

– Ritorno a casa e futuro

Il 31 agosto 2015, dopo nove anni, Joaquin torna al Betis. Il 2 settembre 2018 l’andaluso scrive un’altra pagina della sua storia e in quella del derby di Siviglia: il Betis non vince un incontro in casa con i rivali da dodici lunghi anni. Joaquin entra al minuto 75 per poi insaccare di testa poco dopo il gol della vittoria e dell’apoteosi bianco-verde riconsegnando così dignità ai suoi tifosi. Non poteva che deciderlo lui il derby essendo tifoso, bandiera e capitano del Betis.

A dicembre 2019 lo spagnolo ha rinnovato il contratto per un altro anno (quindi fino al 2021) e a febbraio ha dimostrato che può ancora fare la differenza segnando da calcio d’angolo, l’ennesima perla della sua carriera. Joaquin è eterno e non ha ancora intenzione di smettere di stupire.

Potrebbe interessarti:

Andriy Shevchenko – L’usignolo di Kiev

Andriy Shevchenko è una delle leggende del Milan, della Dinamo Kiev e del calcio mondiale. Detto "l'usignolo di Kiev" o, più semplicemente, "Sheva" era un attaccante completo in grado di trovare con una facilità impressionante il gol [...]
Vai all'articolo

Edinson Cavani – El matador uruguagio

Edinson Cavani è stato ed è tuttora uno degli attaccanti più decisivi del calcio mondiale. In carriera ha segnato 341 reti in 556 partite disputate con squadre di club ed è il miglior marcatore della storia del Paris Saint Germain [...]
Vai all'articolo

Luca Toni – Cannoniere “Numero uno”

Luca Toni è senza dubbio uno degli attaccanti più amati dai tifosi italiani e delle squadre dove ha militato. Nonostante nel corso degli anni molti lo abbiano sottovalutato etichettandolo come un giocatore con i piedi poco educati [...]
Vai all'articolo