Si legge in 4 minuti

Daniele De Rossi è senza dubbio una grande bandiera della Roma. Il centrocampista fin dalle prime partite ha dimostrato un attaccamento non comune ai colori giallo-rossi. In questo articolo ne ripercorreremo la carriera.

De Rossi contro la Spagna. Fonte: football.ua [CC BY-SA 3.0] Daniele De Rossi contro la Spagna
De Rossi contro la Spagna. Fonte: Football.ua [CC BY-SA 3.0]

– Genesi di un campione

Daniele De Rossi nasce ad Ostia il 24 luglio 1983 e inizia a farsi le ossa nel ruolo di attaccante con l’Ostia Mare per poi passare, a diciassette anni, alle giovanili della Roma dove si fa subito notare e diventa ben presto un elemento cardine. È in questo frangente che il giocatore cambia ruolo da attaccante a centrocampista, precisamente mediano, dove diverrà in futuro un maestro.

– Da “Capitan Futuro” a bandiera della Roma

La frase più adatta a riassumere l’amore del centrocampista per la squadra capitolina è sicuramente:

Ho solo un rimpianto. Quello di poter donare alla Roma una sola carriera.

Daniele De Rossi

Daniele De Rossi conquista il posto da titolare in brevissimo tempo ed esordisce con la Roma il 30 ottobre 2001 per poi diventare col tempo una colonna portante per i giallo-rossi. Dato il suo attaccamento alla maglia e il suo essere un leader in campo e fuori, viene ben presto designato come l’erede di Francesco Totti e per tutta la carriera sarà indicato con l’appellativo “Capitan Futuro”.

Il giocatore in poco tempo riesce ad imporsi anche con la maglia della nazionale e, nel 2006, si laurea campione del mondo. Con il passare degli anni, il carisma gli permette di diventare un idolo per i tifosi della Roma che lo definiscono un “ultras in campo” ed il 28 maggio 2017, in occasione del ritiro dell’amico Francesco Totti, è uno dei più commossi.

– Capitano e trascinatore giallo-rosso

Il ritiro di Totti rappresenta un passaggio di consegne: la fascia passa ufficialmente al braccio del centrocampista che può orgogliosamente e degnamente continuare la tradizione dei capitani romani e romanisti. De Rossi da allora diventerà capitano, trascinatore e uomo chiave nella cavalcata che porterà i capitolini fino alle semifinali di Champions League e al terzo posto in campionato. L’ultima stagione a Roma della bandiera, invece, si contraddistingue per i troppi infortuni che ne minano la tenuta fisica e la presenza in campo. Magari proprio alla base di queste motivazioni il presidente della Roma, Pallotta, decide di non rinnovargli il contratto in scadenza. Si chiude così l’avventura di De Rossi nella capitale con i tifosi delusi ed amareggiati.

La bandiera della Roma De Rossi in contrasto con Gerrard
Daniele De Rossi in un contrasto con Steven Gerrard. Fonte: Football.ua [CC BY-SA 3.0]

Il centrocampista con i colori giallo-rossi ha collezionato in tutto 615 apparizioni ed è il secondo per presenze totali con la Roma preceduto solamente da Totti. Una carriera piena di emozioni mai ricompensata a dovere, pochi trofei (due Coppe Italia, una Supercoppa Italiana) e tante delusioni. È il giocatore della Roma con più presenze in Champions League nella storia (61) condite da otto gol e quattro assist. In campionato ha collezionato 458 presenze, segnato 48 gol e fornito 43 assist (con quattordici derby vinti su trenta totali). Purtroppo Daniele De Rossi non avrà un’altra carriera da donare alla Roma, diciotto anni di amore ed una bandiera come lui meritavano un altro finale.

– Una nuova avventura

Dopo alcune settimane tra polemiche e silenzi stampa il giocatore decide di cominciare una nuova avventura al Boca Juniors. Nonostante non avesse effettuato una vera e propria preparazione atletica, il centrocampista si è subito fatto notare per la sua professionalità e dedizione segnando all’esordio nella coppa nazionale argentina. Ha giocato diverse partite di campionato ed è stato titolare nel derby vinto contro i rivali di sempre del River Plate. A fine settembre si è infortunato ed è rimasto fuori dal rettangolo verde fino al ritorno della semifinale di Copa Libertadores dove la sua squadra è stata eliminata dal River.

– L’epilogo

A gennaio 2020, dopo le pochissime presenze in maglia gialloblu e le tantissime voci sul suo futuro, annuncia il ritiro. Sicuramente un fulmine a ciel sereno per tutti gli appassionati di calcio. L’ex giocatore ha confermato di voler intraprendere la carriera di allenatore e che, in un prossimo futuro, inizierà il corso UEFA a Coverciano. Tutti sognano già un suo ritorno alla Roma in veste di dirigente o allenatore, sicuramente sarebbe un finale di storia romantico e magari l’inizio di una nuova favola per l’ex centrocampista ed i suoi tifosi che lo ricordano così: “Con la mentalità di un ultras in campo Daniele De Rossi il nostro vanto!”

Potrebbe interessarti:

Mirko Vucinic – Re della discontinuità

Il mondo del calcio è pieno di storie riguardanti calciatori che avrebbero essere dei campioni assoluti ma si sono fermati a metà strada senza mai spiccare il salto decisivo. Nella categoria degli "eterni incompiuti" un posto di primo [...]
Vai all'articolo

Antonio Di Natale – Scugnizzo dell’Udinese

Quando si parla di giocatori che hanno dato soddisfazioni al fantacalcio è impossibile non ricordare le annate in cui a fare la differenza era un "piccoletto" nato a Napoli ma diventato una leggenda all'Udinese: Antonio "Totò" Di Natale [...]
Vai all'articolo

Ronaldinho – Fantasia, sorriso e samba

Se c'è un giocatore che ha fatto innamorare molti del calcio è sicuramente Ronaldinho, il brasiliano infatti è stato una delle personalità più iconiche del panorama calcistico dell'ultimo decennio. L'attaccante era un vero e proprio [...]
Vai all'articolo